Fare clic qui per visitare la home page EUFIC
Sicurezza e qualità degli alimenti
Tecnologia alimentare
Food Risk Communication
Nutrizione
Salute e stile di vita
Malattie legate all'alimentazione
Consumer Insights
(Solo in inglese)
Food for thought
(Solo in inglese)
EU initiatives
(Parzialmente tradotto)
Sotto i riflettori
Energy Balance

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.



ALIMENTAZIONE OGGI 10/2009

Chi si occupa della sicurezza alimentare e della nutrizione Europea e internazionale?

Food TodayIn Europa e nel mondo ci sono molte organizzazioni ufficiali che hanno come obbiettivo la sicurezza alimentare e la nutrizione. Queste organizzazioni pubblicano linee guida, sviluppano strategie, monitorano il consumo di cibo e la salute, e in qualche caso applicano delle norme. Con le loro azioni hanno la possibilità di influenzare i consumatori nella scelta degli alimenti che decidono di mangiare.
Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS/WHO)
 
Questa organizzazione mondiale, che ha il suo quartier generale a Ginevra, è responsabile, insieme alle Nazioni Unite (NU), del coordinamento per la salute. Ha il grande proposito di sovrintendere a malattie croniche e infettive, salute mentale, nutrizione, incidenti, rischi biologici, economia della salute e salute preventiva. Il ruolo dell’OMS include l’ occuparsi della direzione degli affari mondiali (il virus influenzale H1N1 è un esempio), controllare i trend sulla salute e fornire supporto tecnico alle singole nazioni.
 
Il quartier generale dell’OMS a Ginevra coordina inoltre sei uffici satellite che coprono le principali aree del globo. L’ufficio europeo dell’OMS con sede a Copenhagen, in Danimarca, supervisiona i fabbisogni alimentari pubblici di più di 50 paesi differenti.
 
Quale organizzazione mondiale, le linee politiche dell’OMS tengono conto dei bisogni delle nazioni povere o emergenti come di quelli delle ricche nazioni occidentali. Le attività dell’OMS in materia di sicurezza alimentare, dieta e nutrizione finiscono sotto due dipartimenti: 1) Nutrizione e salute, e 2) Sicurezza alimentare e zoonosi.
 
Il dipartimento per la salute e la nutrizione ha quattro flussi di lavoro:
  1. Valutazione e sorveglianza sulla crescita: l’OMS produce grafici di crescita standard per infanti e ragazzi fino a 19 anni che sono ampiamente usati dai professionisti della salute.
  2. Programmi e politiche nutrizionali, mirati ad una nazione: l’OMS fornisce strategia e guida per aiutare i singoli paesi a sviluppare politiche efficaci sugli alimenti e la nutrizione. Gli argomenti includono nutrizione materna e dei bambini, l’obesità, le persone anziane, raccomandazioni alimentari, sicurezza alimentare e HIV/AIDS. Un report chiave è la “Global Strategy on Diet, Physical Activity and Health”, strategia globale su dieta, attività fisica e salute.
  3. Riduzione della malnutrizione da micronutrienti: l’OMS esamina i consumi di vitamine e minerali in diverse popolazioni e pubblica consigli a riguardo; per esempio sul consumo di vitamina A, iodio e ferro.
  4. Nutrizione nello sviluppo e nella crisi: l’OMS fornisce supporto tecnico e sorveglianza durante le emergenze (per esempio guerra, carestia, alluvione) in modo da prevenire la denutrizione ed aumentare la sicurezza alimentare.
L’OMS lavora anche a stretto contatto con la Commissione Permanente delle Nazioni Unite.
 
Il dipartimento, deputato ad aumentare le conoscenze riguardo la malnutrizione, mobilita l’impegno a risolvere i problemi a livello globale, regionale e nazionale e promuove politiche internazionali per migliorare la sicurezza alimentare.
 
Il dipartimento per la sicurezza alimentare e le zoonosi è responsabile della sicurezza alimentare attraverso tutta la catena alimentare. Il suo obiettivo è di creare linee politiche ed applicare condotte in grado di tutelare la salute, con particolare attenzione alla riduzione delle malattie provocate da un alimentazione scorretta. Le ricerche hanno incluso l’ acrilammide nei cibi cucinati, i policlorobifenili (PCB) e la diossine nei salmoni e il monitoraggio biologico di inquinanti organici persistenti. Un’importante iniziativa trans-nazionale riguarda  i “5 punti chiave per un’alimentazione più sicura”, i quali forniscono formazione e risorse adattabili localmente in modo da promuovere l’igiene alimentare. La sicurezza alimentare è coperta dall’ INFOSAN (network internazionale delle autorità per la sicurezza alimentare) che è un network globale composto da 177 autorità nazionali per la sicurezza alimentare.
 
Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO)
 
Con il suo quartier generale a Roma, la FAO è un’altra importante organizzazione delle NU. Il mandato della FAO è quello di aumentare i livelli di nutrizione, migliorare la produttività agricola, migliorare la vita delle popolazioni rurali e contribuire alla crescita della economia mondiale. Opera anche come forum neutrale dove paesi differenti possono incontrarsi per discutere sulle politiche internazionali e negoziare gli accordi.
 
Ci sono otto dipartimenti all’interno della FAO. La sicurezza alimentare e la nutrizione riguardano il dipartimento dell’Agricoltura e della tutela del consumatore. Sebbene la FAO si occupi di un’ampia gamma di temi legati all’alimentazione, come la composizione del cibo, gli additivi, l’educazione alimentare, la valutazione dei rischi e il sistema qualità, la forza sta nell’assistere i paesi nei quali l’insicurezza alimentare è prevalente. Perciò il lavoro della FAO si sovrappone a quello del WHO, nell’ identificare quelli a rischio di malnutrizione e disporre linee politiche atte a migliorare la sicurezza alimentare. Ciò nonostante la FAO ha speciali competenze sulla produzione alimentare, il controllo delle malattie animali e vegetali e il commercio.     
 
La FAO promuove un certo numero di portali sul web, dove le persone hanno accesso ad informazioni legate al cibo da diversi paesi. Il database FAOLEX (banca dati legale della FAO) raccoglie insieme leggi nazionali e regolamentazioni sul cibo, l’agricoltura e risorse naturali rinnovabili. Il Forum Globale sulla Sicurezza Alimentare e la Nutrizione promuove il trasferimento delle competenze tra 300 specialisti della nutrizione da cinque continenti. Il portale internazionale sulla sicurezza alimentare e sulla salute animale e vegetale promuove il commercio e la sicurezza alimentare, fornendo un singolo punto di accesso a norme e leggi ufficiali internazionali e nazionali. I database statistici della FAO sono una fonte preziosa di informazioni sul consumo di cibo, comparate nel tempo e tra i diversi paesi.
 
Altre attività della FAO includono la pubblicazione di tabelle sulla composizione del cibo (per es. per i cibi asiatici e africani) e il lavoro con l’OMS per pubblicare consigli sul cibo e la nutrizione (per es. i fabbisogni per l’energia e i micronutrienti). Infine, la FAO è la casa della Commissione del Codex Alimentarius.1
 
Il comitato di esperti congiunto FAO/OMS sugli additivi alimentari (JECFA) è un comitato scientifico internazionale di esperti, amministrato congiuntamente dalle due organizzazioni delle Nazioni Unite. Questo comitato si riunisce due volte l’anno dal 1956, inizialmente per valutare la sicurezza degli additivi alimentari. Oggi è anche incaricato della valutazione di composti tossici che si trovano in natura e residui di farmaci veterinari negli alimenti di origine animale.
 
Organizzazioni Europee
 
Come in alcuni Stati Membri, la valutazione e la gestione dei rischi riguardo la fornitura degli alimenti è demandata a enti diversi. L’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) è responsabile della valutazione dei rischi mentre la Commissione Europea (CE) è responsabile di implementare le azioni in base ai suggerimenti che derivano da studi scientifici, per esempio linee politiche, ricerca e norme in collaborazione con il Parlamento Europeo e gli Stati Membri. Entrambe le organizzazioni sono descritte in maggior dettaglio di seguito.
 
Commissione Europea (CE)
 
All’interno della Comunità Europea, la sicurezza alimentare e la nutrizione sono condivise tra tre direttorati politici: Sviluppo Agricolo e Rurale, Salute e Consumatori, e Ambiente. Alla base di questo lavoro c’è un sostanziale programma di ricerca coordinato attraverso diverse strutture dal Direttorato Generale (DG)per la ricerca.
 
All’interno del DG Agricoltura e Sviluppo Rurale, i temi includono la qualità degli alimenti, la fornitura degli alimenti e la salute animale/vegetale. Il lavoro intrapreso include iniziative atte a fornire prodotti caseari e frutta e verdura a determinate scuole, progetti educativi e misure di sensibilizzazione oltre a programmi per la distribuzione del cibo a comunità svantaggiate all’interno dell’Unione Europea (UE).
 
La CE è la fonte principale di norme alimentari nell’UE, e gli Stati Membri coprono il ruolo di attuatori piuttosto che di creatori di leggi. Gli argomenti riguardano l’origine, l’autenticità, l’aggiunta di alimenti, il diritto alla nutrizione, il diritto alla salute, gli additivi e gli ingredienti permessi. Il direttorato principale in questo campo è il DG Salute e Consumatori, le cui attività includono l’etichettatura, la regolazione, la pubblica salute e la sicurezza nella catena alimentare (inclusa la salute e l’alimentazione animale e la sicurezza alimentare).
 
Il DG Salute e Consumatori promuove anche linee politiche che aiutino gli Stati Membri ad affrontare condizioni legate allo stile di vita come l’obesità, le malattie cardiovascolari e il cancro. Esempio chiave di lavoro è la Piattaforma sulla Dieta, l’Attività Fisica e la Salute che coordina un’ azione transnazionale per riformulare i prodotti alimentari, limitare il marketing dei prodotti alimentari meno salutari, migliorare l’etichettatura, promuovere l’attività fisica ed educare popolazioni a rischio. Tra i membri ci sono una grande varietà di stakeholder europei che spaziano tra aziende alimentari e organizzazioni di consumatori.  
 
Un importante partner di questa piattaforma è l’“High Level Group on Nutrition and Physical Activity” che comprende rappresentanti di tutti e 27 gli Stati Membri oltre ai quattro paesi dell’Associazione Europea del Libero Commercio (European Free Trade Association, EFTA). Dal 2007, il gruppo ha favorito lo scambio di idee politiche ed abitudini alimentari, la riformulazione dei prodotti alimentari e la promozione di uno stile di vita attivo. Un recente risultato è stato la creazione di una campagna in tutta l’Europa per ridurre il consumo di sale, che sarà revisionato nel 2010.
 
Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA)
 
L’ EFSA è stata istituita nel 2002 dalla CE come autorità indipendente in risposta ad una serie di problemi alimentari; questo per assicurare un alto livello di protezione dei consumatori ed aiutare a rinforzare la fiducia nell’offerta alimentare all’interno dell’UE. Il proposito dell’Organizzazione riguarda la sicurezza degli alimenti ad uso umano e l’alimentazione degli animali, la nutrizione, la salute e il benessere animale e la protezione e la salute delle piante.
 
L’EFSA integra il ruolo regolatore della Comunità Europea e il ruolo politico degli Stati Membri, fornendo una valutazione indipendente del rischio oltre alla comunicazione sulla sicurezza alimentare e le questioni legate alla nutrizione.
 
Questo lavoro può essere intrapreso in riposta ad una richiesta della CE, del Parlamento Europeo o di uno Stato Membro, oppure può essere condotto dall’EFSA stessa. Tutti i consigli sono pubblici.    
 
L’EFSA ha 10 gruppi di esperti coordinati da un Comitato Scientifico che comprende esperti indipendenti principalmente dell’UE. I gruppi coprono argomenti quali la salute animale, gli additivi alimentari, la tossicologia, gli organismi geneticamente modificati, la salute vegetale, la nutrizione e le allergie. I membri del pannello sono supportati dallo staff dell’EFSA che è responsabile di fornire dati sui consumi, metodi ed esposizioni in modo da divulgare le decisioni. Esempi relativi alle decisioni del gruppo di esperti includono il benessere dei pesci di allevamento, la valutazione dello stato di salute dei pesci selvatici e di allevamento, la sicurezza degli alimenti a cui vengono aggiunti licopeni, taurina ed aspartame, la messa a punto di profili alimentari in grado di soddisfare le caratteristiche nutrizionali e di salute richieste, la revisione dei livelli di consumo tollerabili e le avvertenze sugli infestanti degli agrumi.
 
Un importante sviluppo per la nutrizione è il regolamento sulla Nutrizione e il Diritto alla Salute, che coinvolge il gruppo di esperti dell’EFSA sui Prodotti Dietetici, la Nutrizione e le Allergie. Questo gruppo è stato incaricato di lavorare su più di 4000 problemi di salute sottoposti e di rispondere se sono o non sono giustificabili dalla scienza. Una volta completato questo lavoro, la CE redigerà una lista di indicazioni sulla salute per tutta l’UE che potranno essere usate dall’industria alimentare per comunicare i benefici ai consumatori. 
 
In tema di sicurezza, un fattore importante è la prevenzione della BSE nei bovini, che ha implicazioni per l’industria della carne. Per questo, il gruppo di esperti scientifici sui rischi biologici (BIOHAZ) è stato coinvolto per valutare il potenziale rischio per la salute umana.
 
Maggiori informazioni
World Health Organization: www.who.int/en
Joint FAO/WHO Expert Committee on Food Additives (JECFA): http://www.who.int/ipcs/food/jecfa/en/
Global Strategy on Diet, Physical Activity and Health report: www.who.int/dietphysicalactivity/strategy/eb11344/en/index.html
WHO Briefing note on ‘5 Keys to Safer Food’: www.who.int/foodsafety/consumer/Briefing_keys.pdf
Food and Agriculture Organization of the United Nations: www.fao.org
European Food Safety Authority: www.efsa.europa.eu
 
Bibliografia
  1. EUFIC Food Today n° 44 (2004). What is Codex Alimentarius? Disponibile su: www.eufic.org/article/it/page/FTARCHIVE/artid/codex-alimentarius/
SU EUFIC
European Food Information Council (EUFIC) è un'organizzazione senza fini di lucro che fornisce informazioni scientificamente corrette sulla sicurezza e la qualità alimentare, la salute e la nutrizione, ai media, ai professionisti della salute e dell'alimentazione, agli educatori e agli opinion leader, in modo comprensibile per i consumatori.

Leggi altro
Data ultimo aggiornamento del sito 17/04/2014
Visualizza tutti i risultati di ricerca