Fare clic qui per visitare la home page EUFIC
Sicurezza e qualità degli alimenti
Tecnologia alimentare
Food Risk Communication
Nutrizione
Salute e stile di vita
Malattie legate all'alimentazione
Consumer Insights
(Solo in inglese)
Food for thought
(Solo in inglese)
EU initiatives
(Parzialmente tradotto)
Sotto i riflettori
Energy Balance

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.



ALIMENTAZIONE OGGI 06/1998

Cosa determina le nostre abitudini alimentari?

Food TodayPer migliorare la comprensione dei motivi che sono alla base delle scelte alimentari dei consumatori, l'Institute of European Food Studies (IEFS) di Dublino (Irlanda) ha condotto un'indagine presso 14.500 consumatori dei paesi membri dell'Unione Europea. Questo articolo, il primo di una serie di approfondimenti dedicati ai risultati dell'indagine dell'IEFS, analizza le convinzioni e le abitudini diffuse tra i cittadini europei in materia di alimentazione. La qualità come fattore determinante.

La qualità si è rivelata il criterio fondamentale per la scelta dei cibi in tutti gli stati membri dell'Unione Europea, senza eccezione alcuna. Per quanto riguarda invece l'importanza attribuita agli altri criteri, (gusto, prezzo) i paesi sono divisi: Grecia, Lussemburgo e Irlanda, per esempio, collocano il prezzo al di sopra del gusto, Finlandia, Germania e Spagna si comportano al contrario. Per circa un terzo degli intervistati, la ricerca di un'alimentazione sana è uno dei tre fattori principali che condizionano gli acquisti. In alcuni paesi, come Austria e Danimarca, l'alimentazione sana è risultata prioritaria per la metà degli intervistati, mentre in altri paesi, per esempio in Francia e in Italia, solo un quarto di essi ha preso in considerazione tale fattore. In quinta posizione troviamo i "vincoli" familiari, vale a dire i gusti e le abitudini alimentari degli altri componenti della famiglia. Anche in questo caso sono state rilevate molte differenze tra i diversi paesi: Grecia, Irlanda e Italia li collocano al terzo posto (dopo qualità e gusto). Un'importanza minore è stata infine attribuita agli alimenti dietetici, agli additivi, alla presentazione o alla confezione dei prodotti, alla cucina vegetariana o tipica, alla disponibilità degli alimenti.

Comprensione delle raccomandazioni Al fine di valutare il reale impatto delle raccomandazioni sulle abitudini alimentari attualmente in vigore, è stato presentato un questionario a un campione di consumatori dell'Unione Europea. In base alle risposte, gli intervistati sono stati suddivisi in gruppi.

  • Quasi la metà delle persone intervistate si ritiene soddisfatta del proprio regime alimentare e non intende modificare in alcun modo le proprie abitudini in direzione di un'alimentazione più sana.
  • Poco meno di un terzo ha modificato definitivamente le proprie abitudini in direzione di un'alimentazione più sana.
  • Una persona su dieci prevede di modificare le proprie abitudini alimentari.
  • Una piccola minoranza ha tentato di modificato le proprie abitudini, ritornando presto alle vecchie.

La maggior parte degli intervistati (il 71%) si considera in buona salute e non ritiene necessario modificare le proprie abitudini alimentari. La direzione verso la quale si orienterebbero i consumatori qualora scegliessero di cambiare abitudini non è comunque sempre in linea con quanto indicato dalle attuali raccomandazioni.

Il direttore dell'IEFS, il professor Michael Gibney commenta: "il sondaggio mostra una grande varietà di abitudini e convinzioni nei diversi paesi; elaborare e mettere in atto programmi centralizzati in materia di educazione alimentare è quindi un compito estremamente complesso. Probabilmente sarà necessario ricorrere all'elaborazione di strategie locali mirate a gruppi specifici di consumatori". Bibliografia: Institute of European Food Studies "A pan-EU survey of consumer attitudes to food, nutrition and health" (Un sondaggio pan-europeo sugli atteggiamenti dei consumatori nei confronti del cibo, dell'alimentazione e della salute), 1996, rapporto nƒ 1.

SU EUFIC
European Food Information Council (EUFIC) è un'organizzazione senza fini di lucro che fornisce informazioni scientificamente corrette sulla sicurezza e la qualità alimentare, la salute e la nutrizione, ai media, ai professionisti della salute e dell'alimentazione, agli educatori e agli opinion leader, in modo comprensibile per i consumatori.

Leggi altro
Data ultimo aggiornamento del sito 20/08/2014
Visualizza tutti i risultati di ricerca