Fare clic qui per visitare la home page EUFIC
Sicurezza e qualità degli alimenti
Tecnologia alimentare
Food Risk Communication
Nutrizione
Salute e stile di vita
Malattie legate all'alimentazione
Consumer Insights
(Solo in inglese)
Food for thought
(Solo in inglese)
EU initiatives
(Parzialmente tradotto)
Sotto i riflettori
Energy Balance

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.



ALIMENTAZIONE OGGI 07/2000

Idratazione - indispensabile per il tuo benessere

Food TodaySe vi sentite prosciugati e il vostro livello di energia è più basso che mai, chiedetevi se state bevendo a sufficienza

La dottoressa Susan Shirreffs, che opera presso il Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Aberdeen ed è esperta in disidratazione, sostiene che “la maggior parte delle persone ha necessità di bere da uno a due litri di liquidi al giorno per mantenersi in salute. Persino bassi livelli di disidratazione possono causare mal di testa, letargie, o un diffuso senso di stanchezza.”

La situazione può diventare anche molto grave. Le persone che normalmente bevono poco corrono il rischio, a lungo andare, di avere problemi ai reni, disturbi mentali, al sistema digestivo e persino al cuore. Ciò risulta meno sorprendente se si considera che la quantità di sangue che circola nel corpo riflette la quantità di acqua che viene ingerita.

Se si riduce la quantità di liquido ingerito, diminuisce anche il volume del sangue; di conseguenza, viene anche a diminuire la quantità di sangue che affluisce verso il cuore, il cervello, i muscoli e tutti gli altri organi principali. Meno sangue viene inviato a questi organi cruciali, meno ossigeno ricevono e meno sono quindi in grado di eseguire il loro normale compito.

Quando bere

Sfortunatamente, non possiamo contare sul meccanismo della sete perché ci segnali quando è necessario bere. Quando la sensazione di sete viene registrata a livello cosciente, si è già leggermente disidratati. L’ideale è continuare a bere liquidi durante tutta la giornata.

I bambini

È particolarmente importante controllare la quantità di liquidi e la frequenza con cui bevono i bambini, dal momento che il loro senso della sete non è sviluppato quanto quello degli adulti. Inoltre, dato che i bambini sono spesso in movimento, e quindi fisicamente attivi, è importante offrire loro spesso da bere acqua e bevande calde e fredde per mantenere un buon equilibrio di liquidi. Queste regole devono essere osservate in particolar modo durante i mesi estivi più caldi quando, come accade agli adulti, il corpo dei bimbi perde liquidi tramite la sudorazione per mantenere bassa la temperatura.

Le persone anziane

Così come nei bambini il meccanismo della sete non è ancora del tutto sviluppato, quando invecchiamo questi stessi meccanismi tendono a diventare meno sensibili. Se a questo si aggiunge il fatto che molte persone anziane limitano volutamente la quantità di liquidi da ingerire, in modo da evitare viaggi frequenti e spesso fisicamente estenuanti fino al bagno, il rischio di disidratazione aumenta. Alle persone anziane si raccomanda, durante la giornata, il consumo regolare del loro succo di frutta preferito, di tè, caffè, cioccolata calda e zuppe, oltre al normale apporto di acqua.

L’esercizio fisico

L’esercizio fisico fa venire sete. Non solo si perdono liquidi attraverso la sudorazione, che è il metodo utilizzato dall’organismo per tenere bassa la temperatura corporea, ma anche attraverso il vapore acqueo che si espira. Più è faticoso e prolungato l’esercizio e più caldo e umido il luogo dove vi esercitate, più fluidi disperderete. Il livello di perdita può essere sorprendentemente alto e se i liquidi non vengono reintegrati velocemente, può insorgere la disidratazione, che altera significativamente il rendimento fisico. Per un’accurata reintegrazione dei liquidi è consigliato pesarsi prima e dopo l’esercizio fisico e bere un litro di liquidi per ogni chilogrammo di peso perduto o per ogni ora di esercizio. La cosa migliore è bere prima, durante e dopo l’esercizio. L’acqua e le bevande isotoniche, cioè quelle in cui i sali minerali e il glucosio sono uguali a quelli contenuti nel sangue, sono i liquidi più consigliabili.

I liquidi sono indispensabili per l’organismo, ma non dimenticate di tenere d’occhio l’apporto di calorie proveniente dalle bevande. Cercate di bilanciare la scelta delle bevande con la dispersione di energia.
E ricordatevi che mantenere un buon livello di liquidi non influisce solamente sulla sensazione di benessere e sulla salute, ma è anche un ottimo trattamento estetico: mantiene la pelle idratata e sana!

SU EUFIC
European Food Information Council (EUFIC) è un'organizzazione senza fini di lucro che fornisce informazioni scientificamente corrette sulla sicurezza e la qualità alimentare, la salute e la nutrizione, ai media, ai professionisti della salute e dell'alimentazione, agli educatori e agli opinion leader, in modo comprensibile per i consumatori.

Leggi altro
Data ultimo aggiornamento del sito 28/08/2014
Visualizza tutti i risultati di ricerca