Fare clic qui per visitare la home page EUFIC
Sicurezza e qualità degli alimenti
Tecnologia alimentare
Food Risk Communication
Nutrizione
Salute e stile di vita
Malattie legate all'alimentazione
Consumer Insights
(Solo in inglese)
Food for thought
(Solo in inglese)
EU initiatives
(Parzialmente tradotto)
Sotto i riflettori
Energy Balance

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.



ALIMENTAZIONE OGGI 04/1999

Ossa forti per un futuro pieno d’energia

Food TodayLe scelte di stile di vita fatte da giovani, possono abbassare le probabilità di sviluppare l’osteoporosi durante la vecchiaia. Ormai è certo che più calcio si accumula in gioventù, più sarà quello nelle ossa in età avanzata e l’alimentazione è un fattore molto importante.

L’osteoporosi è una malattia che colpisce lo scheletro, in cui le ossa perdono resistenza e spessore: il risultato è che le ossa diventano più fragili. Chiamata anche “malattia silenziosa”, spesso non è diagnosticata fino a che non si subisce una frattura, di solito dopo una caduta. Le zone più comuni di rottura sono le anche, i polsi e la spina dorsale.

In Europa, una persona su otto sopra i 50 anni è destinata a rompersi la spina dorsale. L’osteoporosi costa alle economie nazionali più di 3500 milioni di ECU solo in cure ospedaliere. Gli ammalati europei occupano 500 mila posti letto all’anno, numero destinato a raddoppiare nei prossimi 50 anni.1

Costruire ossa forti

Accumulare calcio quando si è giovani è fondamentale per avere ossa forti. Un‘alimentazione ricca di calcio, vitamina D e fosforo è importante quanto i fattori genetici e l’attività fisica. Durante l’infanzia, l’adolescenza e la giovinezza l’accumulo di calcio è cruciale per costruire ossa le più solide possibili. Anche se la densità ossea e la loro resistenza possono aumentare fino ai 30 anni, la percentuale di calcio depositata è maggiore nell’adolescenza: a 18 anni si raggiunge il 95-99% del picco personale di massa ossea.

L’apporto di calcio raccomandato dipende dall’età del soggetto: una tabella nutrizionale europea raccomanda l’assunzione in media di 800 mg al giorno. Alcuni gruppi di persone hanno tuttavia esigenze più elevate fino a 1200-1500 mg come i giovani tra gli 11 e i 24 anni, le donne incinte o in allattamento, le donne dopo la menopausa che non seguono terapie per la compensazione degli ormoni.

L’importanza di una giusta alimentazione e dell’attività fisica

Il modo migliore per introdurre il calcio in quantità adeguata è nutrirsi con alimenti ricchi di calcio dall’infanzia fino all’età adulta. Per la maggior parte delle persone, il latte e i suoi derivati, come yogurt, formaggi e dolci, sono la fonte principale di calcio nell’alimentazione. Altri alimenti che contengono calcio sono: alcuni tipi di frutta secca, verdure verdi, pane integrale o alimenti arricchiti di calcio.

Così come un’alimentazione sana, un’attività fisica costante contribuisce a costruire massa e densità ossea durante l’età dello sviluppo. L’esercizio fisico è altrettanto importante durante l’età adulta, dato che uno stile di vita sedentario aumenta il rischio di osteoporosi. Anche per le persone anziane la ginnastica è importante poiché migliora l’equilibrio e la coordinazione e aiuta quindi a prevenire le cadute, possibili cause di fratture; camminare, correre, fare aerobica e danzare aumentano la forza e la resistenza dei muscoli.

Visto l’aumento delle aspettative di vita è previsto per il futuro un notevole aumento dei malati di osteoporosi. Questo costo aggiuntivo sarà un grosso onere per il sistema sanitario, senza considerare che i malati dovranno vivere per più tempo in condizioni di sofferenza. Tutto ciò può essere mitigato incoraggiando le persone ad adottare un‘alimentazione sana, che comprenda alimenti ricchi di calcio, e a fare attività fisica per tutta la vita.

Fattori che aumentano la possibilità di sviluppare l’osteoporosi:

  • Essere donna
  • Essere magro o avere un’ossatura debole
  • Vecchiaia
  • Casi di osteoporosi in famiglia
  • Essere nel periodo dopo la menopausa
  • Livello di testosterone basso (uomini)
  • Vita sedentaria
  • Fumo di sigarette
  • Abuso di alcool

Contenuto di calcio di alcuni alimenti:

  • 300 mg di Ca si trovano in:
  • 25-30 g di formaggio a pasta dura (Emmental, Parmigiano, Cheddar, ecc.)
  • 50 g di formaggio a pasta molle (Camembert, Brie, ecc.)
  • 200 g di latte scremato o yogurt
  • 150 g di mandorle, fichi secchi
  • 200 g di fagioli secchi
  • 500 g di verdura verde ( cavolo, porro, spinaci, broccoli ), pane integrale
  • 0.7 l di alcune acque minerali ricche di calcio (controllare in etichetta)
  1. European Commission and Europe Foundation for Osteoporosis, Building Strong Bones and Preventing Fractures, 1998.

SU EUFIC
European Food Information Council (EUFIC) è un'organizzazione senza fini di lucro che fornisce informazioni scientificamente corrette sulla sicurezza e la qualità alimentare, la salute e la nutrizione, ai media, ai professionisti della salute e dell'alimentazione, agli educatori e agli opinion leader, in modo comprensibile per i consumatori.

Leggi altro
Data ultimo aggiornamento del sito 24/07/2014
Visualizza tutti i risultati di ricerca