Fare clic qui per visitare la home page EUFIC
Sicurezza e qualità degli alimenti
Tecnologia alimentare
Food Risk Communication
Nutrizione
Salute e stile di vita
Malattie legate all'alimentazione
Consumer Insights
(Solo in inglese)
Food for thought
(Solo in inglese)
EU initiatives
(Parzialmente tradotto)
Sotto i riflettori
Energy Balance

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.



ALIMENTAZIONE OGGI 05/2008

Zinco - un supernutriente?

Food TodayQuesto minerale è ubiquitario nell’organismo. È essenziale per alcune fondamentali funzioni come la digestione, la riproduzione e la crescita; lo zinco è legato alla funzionalità di molti apparati dell’organismo. L’elenco dei suoi benefici è esteso e a volte ambizioso: lo zinco può veramente combattere le infezioni e guarire le ferite?

È ubiquitario

Lo zinco si trova in ogni cellula vegetale e animale. Lo zinco è necessario per la sintesi del DNA (materiale genetico) e per la costruzione nuovi tessuti, ciò lo rende fondamentale per una corretta crescita e per lo sviluppo dei neonati. Lo zinco è un costituente essenziale di oltre 100 enzimi coinvolti nella digestione e nell’utilizzo dei grassi, delle proteine e dei carboidrati, ed è intimamente legato alla produzione di energia. Lo zinco, inoltre, supporta il sistema immunitario, questo è il motivo per cui viene considerato con attenzione come possibile aiuto nella lotta alle infezioni e nella guarigione delle ferite.

Può essere un rimedio per il raffreddore?

Lo zinco è necessario per lo sviluppo dei linfociti T, le cellule della serie bianca del sangue che attaccano i virus e i batteri patogeni aiutandoci a combattere le infezioni. Degli studi mostrano che nei bambini malnutriti con bassi livelli di zinco, una integrazione di zinco stimola l’innalzamento del numero dei linfociti T e riduce la gravità e la durata delle infezioni.1 In seguito a questi risultati positivi, per diversi anni sono state portate avanti delle ricerche che avevano lo scopo di verificare se terapie con pastiglie o spray nasali allo zinco fossero una valida terapia alternativa per il raffreddore. Una recente review di quattro studi ben progettati ha permesso di constatare che pastiglie o gel nasali allo zinco non hanno effetti terapeutici.2

Guarigione delle ferite

L’integrazione di zinco può essere utile nel trattamento di problemi della pelle, come ad esempio le piaghe sugli arti, ma solo per chi ha dei bassi livelli di zinco. Le creme allo zinco applicate direttamente su una ferita sono più efficaci di un’integrazione alimentare nel ridurre l’infezione e nello stimolare la guarigione e oggi si ritrova comunemente lo zinco nelle creme per l’acne e negli shampoo per problemi al cuoio capelluto per stimolare la guarigione.3

Lo zinco nella dieta

Lo zinco si trova in una ampia gamma di alimenti perciò consumando una dieta variata è semplice assumere una adeguata quantità di zinco, che è circa 7 mg al giorno per le donne e 9 mg al giorno per gli uomini. Ad ogni modo, la carne rossa è una delle migliori fonti di zinco, mentre gli alimenti vegetali contengono i fitati che riducono l’assorbimento di zinco, perciò i vegetariani devono prestare maggiore attenzione ad includere nella dieta alimenti come i latticini, le uova, i cereali integrali, la frutta secca e i legumi. Le donne durante la gravidanza e l’allattamento necessitano di 2 mg di zinco in più al giorno per assicurarne un adeguato apporto al bambino in fase di crescita, sebbene questa necessità possa essere facilmente soddisfatta da un consumo maggiore di alimento.

 

 Alimenti selezionati come fonte di zinco

 Alimento  Zinco (mg/100 g)
 Ostriche fresche  45 – 75
 Vongole  21
 Germe di grano, crusca  13-16
 Noci brasiliane   7
 Carni  4.5- 8.5
 Parmigiano Reggiano  4
 Piselli secchi  4
 Nocciole   3.5
 Tuorlo d’uovo  3.5
 Arachidi  3
 Sardine  3
 Pollo, selvaggina  2.85
 Noci nere americane  2.25
 Pane, pane integrale  1.65
 Ceci  1.4
 Gamberi o gamberetti  1.15
 Uovo intero  1.1
 Latte  0.75
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’eccesso di un buon elemento

Un’assunzione accidentale di una quantità di zinco maggiore di 200 mg è molto tossica e può causare vomito e nausea, mentre una prolungata integrazione nella dieta può interferire con l’assorbimento di rame e ferro. Ciò avviene perché rame, ferro e zinco competono per la stessa via metabolica che li trasporta dall’intestino al circolo ematico; un eccessivo apporto di uno di questi minerali disturberà l’assorbimento degli altri.

Consumo adeguato

In Europa la maggior parte delle persone assume un’adeguata quantità di zinco, grazie ad una dieta variata e bilanciata e la necessità di integrazione è rara.4 Sintomi evidenti di carenza come una stentata crescita dei bambini, impotenza e lesioni cutanee sono rari ma se si sospetta una carenza di zinco è importante recarsi dal medico. Come regola generale, una dieta bilanciata è sufficiente per assicurare tutti i nutrienti, e le integrazioni sono utili solo se non state assumendo abbastanza nutrienti con la vostra dieta(come ad esempio inadeguata assunzione di calorie, alcolismo, malattie della digestione).

Bibliografia

  1. Black R.E. (1998). Therapeutic and preventive effects of zinc on serious childhood infectious diseases in developing countries. American Journal of Clinical Nutrition 68:476S-479S
  2. Caruso T.J. et al. (2007). Treatment of naturally acquired common colds with zinc: a structured review. Clinical Infectious Diseases 45:569-574
  3. Lansdown A.B. et al. (2007). Zinc in wound healing: theoretical, experimental and clinical aspects. Wound Repair and Regeneration 15:2-16
  4. Wuehler S.E. et al. (2005). Use of national food balance data to estimate the adequacy of zinc in national food supplies: methodology and regional estimates. Public Health Nutrition 8:812-819
 
Podcast correlati
Etichettatura e indicazioni nutrizionali degli alimenti, Alimenti arricchiti , Scelta degli alimenti, Fibra, Fibra alimentare, Minerals
SU EUFIC
European Food Information Council (EUFIC) è un'organizzazione senza fini di lucro che fornisce informazioni scientificamente corrette sulla sicurezza e la qualità alimentare, la salute e la nutrizione, ai media, ai professionisti della salute e dell'alimentazione, agli educatori e agli opinion leader, in modo comprensibile per i consumatori.

Leggi altro
Data ultimo aggiornamento del sito 17/04/2014
Visualizza tutti i risultati di ricerca