Fare clic qui per visitare la home page EUFIC
Sicurezza e qualità degli alimenti
Tecnologia alimentare
Food Risk Communication
Nutrizione
Salute e stile di vita
Malattie legate all'alimentazione
Consumer Insights
(Solo in inglese)
Food for thought
(Solo in inglese)
EU initiatives
(Parzialmente tradotto)
Sotto i riflettori
Energy Balance

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.



ALIMENTAZIONE OGGI 09/2005

Stress e comportamento alimentare

Food TodayVi state preparando per parlare in pubblico ad un evento importante; allungate la mano verso i biscotti o rifiutate la sola idea del cibo? Lo stress influisce in diversi modi sul comportamento alimentare delle persone, leggete qui per scoprire come.

Ci stressiamo quando accade qualcosa, dentro di noi o nel nostro ambiente, che minaccia il nostro status quo. Allora mettiamo in atto diverse tattiche per gestire l’agente stressante e tornare al nostro stato di equilibrio. Lo stress può essere interno, come preoccuparsi per qualcosa o arrabbiarsi, oppure esterno, come affrontare un esame o certe situazioni sociali. Poiché lo stress è parte integrante della nostra vita quotidiana, come mangiamo in risposta ad esso può avere un impatto sulla nostra alimentazione in generale e sulla nostra salute.

Lotta o fuga

Quando è in pericolo, il corpo attiva automaticamente la risposta di lotta o fuga. Una scarica di adrenalina porta sangue al cervello, al cuore e ai muscoli allontanandolo dal sistema digestivo, preparandosi a correre o a lottare. Si crede che questa reazione si verifichi anche se la minaccia o l’agente stressante sono psicologici o emotivi anziché fisici. Questo stato di allerta dovrebbe rendere le persone incapaci di mangiare o addirittura creare un senso di nausea1. Ma è stato dimostrato che per alcune persone lo stress è un forte stimolo a mangiare e che queste in realtà mangiano di più, non di meno, in situazioni di stress1, quindi che cosa sta succedendo?

Chi segue una dieta tende a mangiare di più in situazioni di stress

Sono molte ai giorni nostri le persone che seguono una dieta dimagrante o che stanno comunque attente al proprio peso. Ciò in genere significa anche controllare il tipo e la quantità del cibo consumato. Chi segue una dieta inoltre deve ignorare i propri segnali di fame per poter mangiare meno di quanto in realtà vorrebbe. In altre parole, questa persone esercitano delle limitazioni sul proprio modo di mangiare. Le persone che invece mangiano seguendo gli stimoli dell’appetito, mangiano senza porsi limitazioni. Gli studi hanno ripetutamente dimostrato che in situazioni di stress le persone che si limitano abitualmente nel cibo tendono a mangiare di più e coloro che non si limitano tendono a mangiare di meno2,3.

Lo stress può portare a mangiare freneticamente coloro che di solito si limitano nel cibo

Il dottor Paul Lattimore, esperto di comportamenti alimentari della Liverpool John Moores University, propone una spiegazione del perchè chi segue una dieta mangia di più in situazioni di stress. “Quando le persone seguono una dieta, impegnano così tante energie nel controllo dei processi biologici che restano loro risorse limitate per gestire i problemi di ogni giorno. Quindi nelle situazioni di stress perdono il controllo e se c’è del cibo a disposizione, lo mangiano. E non solo: queste persone sono così abituate a non tener conto dei segnali del proprio corpo che ignorano o interpretano male i segnali della reazione di lotta o fuga.”

Strategie di gestione dell o stress

Un recente studio su larga scala realizzato in Finlandia ha mostrato che l’indice di massa corporea (che misura il rapporto fra peso e altezza) era più alto fra coloro che mangiavano a causa dello stress e che questi tendevano a mangiare più cibo come salsicce, hamburger, cioccolato e pizza, rispetto agli altri4. Quindi, se la reazione allo stress in alcune persone è quella di mangiare di più, e questo insidia costantemente i loro tentativi di controllare il peso, che cosa si può fare per aiutarle?

 

Il dottor Lattimore, che ha lavorato nella prevenzione dell’obesità, ci da qualche consiglio. “Per prima cosa, la persona deve identificare quale specifica situazione scatena lo stimolo a mangiare troppo, poi deve escogitare modi alternativi di combattere lo stress. Una strategia ideale sarebbe quella di fare una passeggiata, poiché questo permette di pensare ad altro e contemporaneamente di bruciare calorie.”

Sintesi

Le persone che mangiano quando hanno fame e smettono quando sono sazie sono in accordo con i propri segnali biologici. Queste persone in situazioni di stress non hanno voglia di mangiare. Le persone che non tengono conto dei propri segnali biologici invece hanno bisogno di individuare gli stimoli emotivi e psicologici che li portano direttamente al frigorifero, e di crearsi delle tattiche diversive. Questi comportamenti di risposta allo stress sottolineano l’importanza di approcci al controllo del peso corporeo che riducano le limitazioni all’alimentazione e piuttosto enfatizzino una maggiore assunzione di frutta e verdura, cibi con poche calorie e ricchi di nutrienti. Questi cibi possono quindi diminuire l’apporto calorico degli episodi in cui si mangia in modo frenetico.

Testi di riferimento

  1. Greeno CG &Wing RR (1994) Stress-induced eating. Psychological Bulletin 115: 444-464
  2. Lattimore P & Caswell N (2004) Differential effects of active and passive stress on food intake in restrained and unrestrained eaters. Appetite 42: 167-173
  3. Polivy J and Herman CP (1999) Distress and dieting: why do dieters overeat? International Journal of Eating Disorder 25: 153-164
  4. Laitinen J & Sovio U (2002) Stress-related eating and drinking behaviour and body mass index and predictors of this behaviour. Preventive Medicine 34: 29-39
Podcast correlati
Malattie legate all'alimentazione, Attività fisica, Comportamento alimentare, Scelta degli alimenti
Nutrizione, Attività fisica, Comportamento alimentare
SU EUFIC
European Food Information Council (EUFIC) è un'organizzazione senza fini di lucro che fornisce informazioni scientificamente corrette sulla sicurezza e la qualità alimentare, la salute e la nutrizione, ai media, ai professionisti della salute e dell'alimentazione, agli educatori e agli opinion leader, in modo comprensibile per i consumatori.

Leggi altro
Data ultimo aggiornamento del sito 20/08/2014
Visualizza tutti i risultati di ricerca