I Benefici del Miele e i Suoi Valori Nutrizionali

Last Updated : 14 January 2020

Il miele è un ingrediente naturale usato per la sua dolcezza, energia e  potenziali benefici per la salute. È utilizzato principalmente per il consumo umano (ma anche in alcuni cosmetici) sia come miele puro o come ingrediente in altri prodotti alimentari come dolcificanti per dessert, cereali e succhi di frutta. Ci sono centinaia di diversi tipi di miele come quello di trifoglio, acacia o manuka, a seconda dell'origine botanica. Questo articolo esplora come viene prodotto il miele, ne descrive la composizione, e analizza le ricerche sui suoi effetti sulla salute.

Come viene prodotto il miele?

Il viaggio dall'ape al barattolo inizia con il nettare del fiore. Le api da miele raccolgono il nettare, e gli enzimi nella saliva dell'ape scompongono lo zucchero in glucosio e il fruttosio che viene immagazzinato nei favi per nutrire l'alveare durante il periodo invernale. Nel favo, l'eccesso dell'acqua evapora grazie all'aria costantemente messa in circolo dalle api con le loro ali. Il liquido denso e appiccicoso che ne deriva è quello che noi conosciamo come miele (vedi la Tabella 1 per la composizione). 1

I maggiori raccolti di miele nell'Unione europea si trovano in Spagna, Germania, Romania e Ungheria. 2 Tuttavia, dato che una produzione di miele di successo dipende dal benessere dell'ape mellifera, è preoccupante che l'Europa stia assistendo ad un declino significativo delle colonie di api (il 21% solo in inverno del 2016/2017). 3

L’importanza delle api

Le api mellifere non producono solo miele ma svolgono un ruolo importante come impollinatrici dei raccolti. Dato che l'84% dei raccolti europei dipende dall'impollinazione, la Commissione europea ha sviluppato una strategia per la salute delle api da miele. 4 Diversi fattori contribuiscono al declino delle api, uno dei quali potrebbero essere i pesticidi, il che ha spinto l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) a fornire orientamenti sulla valutazione dei rischi potenziali dei pesticidi per le api, e più recentemente, a sviluppare una banca dati per raccogliere attivamente informazioni sulla salute delle api in Europa4. 45

I diversi tipi di miele

Esistono oltre 300 diversi tipi di miele in tutto il mondo. 1 . Differiscono per colore, aroma e sapore a seconda della fonte vegetale in cui le api raccolgono il nettare. Alcuni dei più noti tipi di miele sono il manuka e il miele di acacia. 1

Il miele può essere ampiamente classificato come grezzo e trasformato. 1 Dopo essere estratto dall'alveare, il miele di solito viene filtrato per rimuovere la cera e altre particelle non mielose. A questo punto si presenta nella sua forma di miele grezzo che può essere ulteriormente riscaldato e invasettato per essere disponibile come miele trasformato, la forma che è più comunemente disponibile nei supermercati. Il processo di riscaldamento e invasettamento rimuove i potenziali agenti patogeni, ma anche le vitamine e gli antiossidanti presenti nel miele grezzo.

Composizione nutrizionale del miele

La stagionalità, le condizioni ambientali, le tecniche di lavorazione e la varietà di nettari possono tutti influire sulla composizione del miele ma, essenzialmente, i principali costituenti nutrizionali sono i carboidrati (zuccheri semplici: fruttosio e glucosio – scopri di più nel nostro articolo ‘Carboidrati e le loro funzioni’). Oltre all'acqua, il miele contiene quantità molto piccole di proteine, vitamine, minerali, oligoelementi,  enzimi e polifenoli, compresi i flavonoidi provenienti dal polline, che possono aiutare a identificare l'origine del miele. 6 I criteri di composizione del miele sono regolati dalla Direttiva 2001/110/CE del Consiglio del 20 dicembre 2001, il quale specifica che il contenuto massimo di acqua nel miele non deve superare il 20% affinché esso sia considerato un prodotto alimentare autentico (vedi anche Tabella 1).

Tabella 1. Composizione nutrizionale del miele *8

 

Per 100 g

Per porzione di 20 gr

Energia

288 kcal/1229 kJ

58 kcal/246 kJ

Grassi (gr)

0

0

Carboidrati (gr)

76.4

15.3

- fruttosio (gr)

41.8

8.4

- glucosio (gr)

34.6

6.9

Proteine (gr)

0.4

0.08

Altri costituenti

Acqua (gr)

17.5

3.5

*basata sull'analisi di 8 campioni di tipi assortiti.

Il miele è tipicamente un liquido liscio contenente piccoli cristalli impercettibili. Tuttavia, fattori quali la sua origine, una temperatura di conservazione bassa, un periodo di conservazione più lungo e un contenuto di glucosio maggiore possono portare tutti alla cristallizzazione; si formano cristalli più grandi e la consistenza diventa croccante. Il processo può essere momentaneamente invertito tramite un leggero riscaldamento. Comunque, il riscaldamento e la filtrazione del miele (per purificazione) possono avere effetti negativi sulle sue proprietà rendendo ad esempio il colore più scuro, distruggendo gli enzimi, e eliminando antiossidanti benefici per la salute.

I benefici per la salute: il miele fa bene?

Il miele è stato usato per millenni nella medicina tradizionale per il suo potenziale antibatterico, le sue proprietà antinfiammatorie e antiossidanti. Il miele appositamente preparato per l'uso medico può essere applicato localmente per la medicazione delle ferite. Il basso contenuto di umidità del miele, il perossido di idrogeno e l'acidità (pH medio di 3,9) sono ostili ai batteri e forniscono al miele le sue proprietà antibatteriche. 9 Si ritiene che le proprietà antinfiammatorie siano dovute a sostanze antiossidanti, 8 anche se le quantità presenti nei singoli campioni di miele variano a seconda dell'origine del miele, della sua composizione e della dose. 6 Alcune prove ottenute da studi individuali e su piccola scala sulle cellule, animali e umani suggeriscono inoltre che il miele possa essere utile nel trattamento della tosse, e dei disturbi intestinali e digestivi. 9 Infine, il miele può contenere spore del batterio Clostridium botulinum che può provocare gravi infezioni nei neonati, quindi si consiglia di evitare di dare miele ai bambini di età inferiore ai 12 mesi. 10 

Nonostante un gran numero di studi sul miele, la maggior parte di questi non viene condotta nell'uomo. Gli studi che studiano gli effetti benefici del miele sull'uomo sono studi su piccola scala sulla prevenzione di diverse malattie con diversi tipi di miele (vedi la nostra Infografica sulla ‘Gerarchia delle prove scientifiche’). Nel complesso, le prove che il miele ha effetti specifici sulla salute degli esseri umani sono limitate e inconcludenti, e mancano ancora studi su larga scala negli esseri umani per sostenere le attuali affermazioni sulle sue proprietà benefiche per la salute.

Miele contro zucchero

A differenza dello zucchero, il miele contiene vitamine, minerali e antiossidanti; quindi, è facile pensare che ci siano benefici del miele per la salute rispetto allo zucchero. Tuttavia, vitamine e minerali nel miele sono presenti in meno dell'1% della quantità giornaliera raccomandata. Per ricevere i benefici per la salute dalla bassa quantità di vitamine e minerali presenti nel miele, è necessario consumarne grandi quantità. Tali quantità supererebbero l'assunzione giornaliera di zucchero raccomandata dall'Organizzazione mondiale della sanità. 12 Quindi, un cucchiaio di miele contribuirà al tuo metabolismo energetico a causa del suo contenuto di zucchero (senza superare l'assunzione giornaliera raccomandata di zucchero) ma è improbabile che abbia ulteriori effetti benefici.

Infine, si può sostenere che il miele grezzo è migliore del miele trattato, ma poiché il contenuto di vitamine, minerali e antiossidanti nel miele è minimo (per porzione raccomandata), i benefici per la salute derivanti dal consumo di miele grezzo rispetto al miele trattato sono probabilmente minimi.

Quanto miele possiamo mangiare al giorno?

Non vi è alcuna assunzione giornaliera raccomandata per il miele in particolare, tuttavia, a causa del suo elevato contenuto di zucchero, il miele dovrebbe essere consumato con moderazione. L'Organizzazione mondiale della sanità suggerisce che gli zuccheri liberi (il che significa tutti i monosaccaridi e disaccaridi aggiunti agli alimenti dai produttori, dai cuochi o durante la cottura a casa, oltre agli zuccheri naturalmente presenti nel miele, negli sciroppi e nei succhi di frutta) non debbano costituire più del 10% dell'apporto energetico giornaliero di una persona. 11,12 Per un adulto che ha bisogno di 2000 kcal al giorno, il 10% corrisponde a 200 kcal da zuccheri liberi, che sono circa 60 grammi di miele se il miele viene utilizzato come unica fonte esterna di zucchero nella propria dieta.

 

References

  1. National Honey Board, How honey is made. Accessed 17 October 2019.
  2. European Parliament, Key facts about Europe’s honey market. Accessed 17 October 2019.
  3. Brodschneider et al. (2018). Multi-country loss rates of honey bee colonies during winter 2016/2017 from the COLOSS survey. Journal of Apicultural Research, 57, 452-457.
  4. European Food Safety Authority, Bee Health. Accessed 17 October 2019.
  5. European Food Safety Authority, Guidance on the risk assessment of plant protection products on bees (Apis mellifera, bombus spp. and solitary bees). Accessed 17 October 2019.
  6. Bogdanov S, et al. (2008). Honey for nutrition and health: a review. Journal of the American College of Nutrition 27:677-689.
  7. Directive 2001/110/EC of the European Parliament and of the Council of 20 December 2001 relating to honey. Accessed 17 October 2019.
  8. McCance RA & Widdowson EM (2010). The composition of foods. 6th Edition. Cambridge, England: Food Standards Agency.
  9. Pasupuleti et al. (2017). Honey, propolis and royal jelly: a comprehensive review of their biological actions and health benefits. Oxidative Medicine and Cellular Longevity: 1259510.
  10. Scientific committee on veterinary measures relating to public health (2002). Opinion of the scientific committee on veterinary measures relating to public health on honey and microbiological hazards. Brussels: European Commission. Accessed 17 October
  11. WHO Technical Information Note (2017). Sugars and dental caries. Geneva, Switzerland: WHO.
  12. WHO (2015). Sugars intake for adults and children – Guidelines. Geneva, Switzerland: WHO.