Horizon-2020 Strength2food, lancia la prima “Guida Strategica” per la sostenibilità degli Schemi di Qualità Alimentare (SQA)

Comunicati stampa | 26 April 2021

Bruxelles, 26 aprile - Il progetto di ricerca Europeo Strength2Food, lancia oggi la prima Guida strategica per gli Schemi di Qualità Alimentari (SQA) sostenibili tra cui le Indicazioni Geografiche (IG). La Guida è presentata in occasione della  Giornata mondiale della proprietà intellettuale organizzata da EUIPO e rappresenta lo strumento che consentirà a professionisti, amministratori, decisori politici e ricercatori di approfondire i legami tra sostenibilità e i Schemi di Qualità Alimentari. La Guida, inoltre, vuole aumentare la consapevolezza dei consumatori sulle relazioni tra Schemi di Qualità Alimentare, beni pubblici e sostenibilità, giustificando la loro maggiore “disponibilità a pagare” per i servizi incorporati nei prodotti ottenuti da Schemi di Qualità Alimentari.

Il Prof. Matthew Gorton dell’Università di Newcastle, coordinatore del progetto Strength2Food, in merito alla Guida, che rappresenta uno dei risultati di 5 anni di lavoro, sottolinea come: "nella Giornata mondiale della proprietà intellettuale dimostrare come dalle Indicazioni Geografiche beneficiano non solo gli agricoltori, ma anche e l'ambiente e i cittadini è semplicemente straordinario. Dalla collaborazione tra ricercatori e produttori di Indicazioni Geografiche in Europa e in Asia, possiamo presentare esempi di casi studio che dimostrano i vantaggi economici, sociali e ambientali legati alle indicazioni geografiche per “ispirare” altri produttori su come migliorare e rendere più sostenibili i loro sistemi produttivi".

La guida nasce dal lavoro di ricerca, svolto da un team internazionale di ricercatori del mondo accademico, pubblico e privato, è stato coordinato dall’Università di Parma e mostra gli impatti positivi di SQA legate a pratiche di produzione e consumo responsabili.

Ricorrendo ai risultati di 26 filiere - che coinvolgono diversi Schemi di Qualità Alimentari come le produzioni Biologiche, le Indicazioni Geografiche come le Denominazione di origine protetta (DOP) e le Indicazione geografica protetta (IGP) in 14 paesi - la Guida rappresenta uno strumento per conoscere come gli Schemi di Qualità Alimentari contribuiscono alla di sostenibilità dei sistemi alimentari di produzione generando beni pubblici che, per semplicità di comprensione, possono essere raggruppati in tre ambiti: a) la conservazione del patrimonio culturale; b) lo sviluppo socio-economico e c) la tutela delle risorse naturali.

Al riguardo Filippo Arfini dell’Università di Parma e responsabile di questo gruppo di lavoro, rispetto alla Guida sottolinea “la Guida rappresenta il corollario di un lungo lavoro che partendo da una analisi teorica degli Schemi Alimentari di Qualità e da analisi quantitative sugli indicatori di sostenibilità ha portato a una lettura ragionata dei disciplinari di produzione alla base dei beni ad Indicazione Geografica e alla identificazione delle buone pratiche responsabili della generazione di beni pubblici. L’auspicio è che le esperienze di alcuni possano diventare innovazioni per altri migliorando la resilienza dei produttori salvaguardando la qualità dei prodotti e la sostenibilità dei loro sistemi produttivi”.

Indicazioni geografiche (IG) e diritti di proprietà intellettuale

Dal 26 aprile 1970, la  Giornata mondiale della proprietà intellettuale rappresenta un'opportunità unica per sensibilizzare sul ruolo centrale che la proprietà intellettuale e la creatività giocano in diversi settori della vita quotidiana, dalle arti e la musica all'innovazione tecnologica, per lo sviluppo delle società in tutto il mondo.

In questo contesto, le indicazioni geografiche  Indicazioni Geografiche (IG)  stabiliscono diritti di proprietà intellettuale per prodotti specifici (ad es. Prodotti agricoli, alimentari, vino e bevande spiritose e prodotti industriali), le cui qualità, caratteristiche e reputazione sono specificamente legate alla loro area di importanti benefici dal punto di vista socio-economico. Le indicazioni geografiche non solo forniscono alle aziende un modo per sfruttare il valore dei loro prodotti geograficamente unici, ma consentono anche ai consumatori di fidarsi e distinguere i prodotti di qualità.

Politica di qualità dell'UE e Schemi di Qualità Alimentare (SQA)

A livello europeo, sia la politica della qualità che l’acquisto di cibo da parte di enti pubblici, hanno recentemente assistito a importanti riforme per proteggere le Indicazioni Geografiche per promuovere le loro qualità e caratteristiche uniche, che sono legate alla loro origine geografica e al know-how tradizionale.

Gli Schemi di Qualità Alimentare (SQA)  consentono di promuovere qualità e caratteristiche uniche che si trovano negli alimenti, in cui le Indicazioni Geografiche sono emerse come primi esempi di sistemi di produzione alimentare che incorporano pratiche sia tradizionali che sostenibili. La Guida sugli Schemi di Qualità Alimentari lanciata oggi comprende le esternalità positive non remunerate dal mercato accessibili e fruibili da tutti i cittadini (i cosiddetti "beni pubblici"), il cui ruolo nel raggiungimento della sostenibilità è significativo ma ancora non direttamente visibile ai consumatori né valutato economicamente.

Conferenza finale di Strength2Food - 20 maggio

I risultati e le raccomandazioni del progetto saranno presentati alla conferenza finale del progetto il 20 maggio. L'European Food Information Council (EUFIC) organizzerà l'evento conclusivo del progetto, presentando i principali risultati di 5 anni di ricerca assieme all’attività di networking svolta in questi anni, a panel di esperti in tema di Indicazioni Geografiche.

L'agenda della conferenza e l'iscrizione gratuita sono disponibili al presente link.

Il progetto Horizon Strength2Food

Strength2Food è un progetto quinquennale Horizon 2020 finanziato dall'UE, composto da 13 partner accademici europei e 2 partner accademici non europei che aveva come obbiettivo la valutazione della sostenibilità delle filiere di prodotti ottenuti da Schemi di Qualità Alimentare e fornire agli Stati Membri dell'UE raccomandazioni basate su prove e verificate attraverso azioni pilota innovative. La ricerca di Strength2Food si è concentrata sulla sostenibilità dei Sistemi Alimentari di Qualità e alle buone pratiche di produzione e consumo e, più specificamente, sui beni pubblici, il cui ruolo nel raggiungimento della sostenibilità, è significativo ma ancora non direttamente visibile ai consumatori né valutato economicamente.

Fin dall'inizio del progetto, Strength2Food aveva come obbiettivo:

  • aiutare i decisori politici e le parti interessate a migliorare sia l'efficacia delle attuali politiche sulla sostenibilità e la promozione di diete sane e nutrienti dei prodotti alimentari ottenuti da Schemi Alimentari di Qualità.
  • studiare e stimolare lo sviluppo filiere alimentari locali attraverso iniziative pilota e azioni innovative.

Strategic Guide on Sustainable Food Quality Schemes

Sito ufficiale di Strength2Food

Segui @SciFoodHealth o l'hashtag #Strength2Food su Twitter.

Contatti

Davide Carrino, Media Manager, European Food Information Council (EUFIC) davide.carrino@eufic.org ; +32483 673198

Carlos Abundancia, Social Media & Communications Manager, European Food Information Council (EUFIC),  carlos.abundancia@eufic.org

Prof. Matthew Gorton, Newcastle University, Strength2Food project Coordinator matthew.gorton@ncl.ac.uk

Prof. Filippo Arfini, University of Parma, Strength2Food Deputy Coordinator filippo.arfini@unipr.it

References

  1. Messina, M., Duncan, A., Messina, V., Lynch, H., Kiel, J., & Erdman Jr, J. W. (2022). The health effects of soy: A reference guide for health professionals. Frontiers in nutrition, 1837.
  2. Soukup, S. T., Engelbert, A. K., Watzl, B., Bub, A., & Kulling, S. E. (2023). Microbial Metabolism of the Soy Isoflavones Daidzein and Genistein in Postmenopausal Women: Human Intervention Study Reveals New Metabotypes. Nutrients, 15(10), 2352.
  3. Composition of foods integrated dataset (CoFID).
  4. EuroFIR food composition database.
  5. Anderson, J. W., Johnstone, B. M., & Cook-Newell, M. E. (1995). Meta-analysis of the effects of soy protein intake on serum lipids. New England Journal of Medicine, 333(5), 276-282.
  6. Boren, J., Chapman, M. J., Krauss, R. M., Packard, C. J., Bentzon, J. F., Binder, C. J., ... & Ginsberg, H. N. (2020). Low-density lipoproteins cause atherosclerotic cardiovascular disease: pathophysiological, genetic, and therapeutic insights: a consen
  7. US Food and Drug Administration. (2002). Health claims: soy protein and risk of coronary heart disease (CHD). 21 CFR 101.82. Fed. Regist, 64, 57699-57733.
  8. US General Services Administration. (2023). Food labelling: Health Claims; Soy Protein and Coronary Heart Disease. Retrieved from https://www.reginfo.gov/public/do/eAgendaViewRule?pubId=202304&RIN=0910-AH43 (Accessed 20/11/2023)
  9. EFSA Panel on Dietetic Products, Nutrition and Allergies (NDA). (2011). Scientific Opinion on the substantiation of health claims related to soy isoflavones and protection of DNA, proteins and lipids from oxidative damage (ID 1286, 4245), maintenance of
  10. Williams, B., Mancia, G., Spiering, W., Agabiti Rosei, E., Azizi, M., Burnier, M., ... & Desormais, I. (2018). 2018 ESC/ESH Guidelines for the management of arterial hypertension: The Task Force for the management of arterial hypertension of the Europe
  11. Mosallanezhad, Z., Mahmoodi, M., Ranjbar, S., Hosseini, R., Clark, C. C., Carson-Chahhoud, K., ... & Jalali, M. (2021). Soy intake is associated with lowering blood pressure in adults: A systematic review and meta-analysis of randomized double-blind pl
  12. Messina, M. (2016). Soy and health update: evaluation of the clinical and epidemiologic literature. Nutrients, 8(12), 754.
  13. Rizzo, G., & Baroni, L. (2018). Soy, soy foods and their role in vegetarian diets. Nutrients, 10(1), 43.
  14. Cai JS, Feng JY, Ni ZN, et al. An update on the nutritional, functional, sensory characteristics of soy products, and applications of new processing strategies. Trends Food Sci Technol. 2021;112:676-689
  15. Sohouli MH, Fatahi ALS, Shidfar F, et al. Impact of soy milk consumption on cardiometabolic risk factors: A systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. J Funct Foods. 2021;83:104499
  16. Asbaghi, O., Ashtary-Larky, D., Mousa, A., Rezaei Kelishadi, M., & Moosavian, S. P. (2022). The effects of soy products on cardiovascular risk factors in patients with type 2 diabetes: a systematic review and meta-analysis of clinical trials. Advances
  17. Man, B., Cui, C., Zhang, X., Sugiyama, D., Barinas-Mitchell, E., & Sekikawa, A. (2021). The effect of soy isoflavones on arterial stiffness: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. European journal of nutrition, 60, 603-6
  18. American Institute for Cancer Research. (2023). Soy: Intake Does Not Increase Risk for Breast Cancer Survivors. Retrieved from https://www.aicr.org/cancer-prevention/food-facts/soy/ (Accessed 20/11/2023)
  19. Rock, C. L., Doyle, C., Demark‐Wahnefried, W., Meyerhardt, J., Courneya, K. S., Schwartz, A. L., ... & Gansler, T. (2012). Nutrition and physical activity guidelines for cancer survivors. CA: a cancer journal for clinicians, 62(4), 242-274.
  20. Chan, D. S., Abar, L., Cariolou, M., Nanu, N., Greenwood, D. C., Bandera, E. V., ... & Norat, T. (2019). World Cancer Research Fund International: Continuous Update Project—Systematic literature review and meta-analysis of observational cohort studies
  21. Canadian Cancer Society. (2023). Eating well after breast cancer. Retrieved from https://cancer.ca/en/cancer-information/cancer-types/breast/supportive-care/eating-well-after-breast-cancer (Accessed 20/11/2023)
  22. Reed, K. E., Camargo, J., Hamilton-Reeves, J., Kurzer, M., & Messina, M. (2021). Neither soy nor isoflavone intake affects male reproductive hormones: An expanded and updated meta-analysis of clinical studies. Reproductive Toxicology, 100, 60-67.
  23. Hooper, L., Ryder, J. J., Kurzer, M. S., Lampe, J. W., Messina, M. J., Phipps, W. R., & Cassidy, A. (2009). Effects of soy protein and isoflavones on circulating hormone concentrations in pre-and post-menopausal women: a systematic review and meta-anal
  24. EFSA Panel on Food Additives and Nutrient Sources added to Food (ANS). (2015). Risk assessment for peri‐and post‐menopausal women taking food supplements containing isolated isoflavones. Efsa Journal, 13(10), 4246
  25. Otun, J., Sahebkar, A., Östlundh, L., Atkin, S. L., & Sathyapalan, T. (2019). Systematic review and meta-analysis on the effect of soy on thyroid function. Scientific reports, 9(1), 3964.
  26. Sosvorová, L., Mikšátková, P., Bičíková, M., Kaňová, N., & Lapčík, O. (2012). The presence of monoiodinated derivates of daidzein and genistein in human urine and its effect on thyroid gland function. Food and chemical toxicology, 50(8), 2774-2779.
  27. White, L. R., Petrovitch, H., Ross, G. W., Masaki, K., Hardman, J., Nelson, J., ... & Markesbery, W. (2000). Brain aging and midlife tofu consumption. Journal of the american college of nutrition, 19(2), 242-255.
  28. Cui C, Birru RL, Snitz BE, Ihara M, Kakuta C, Lopresti BJ, et al. Effects of soy isoflavones on cognitive function: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Nutr Rev. (2020) 78:134– 44.
  29. Taku, K., Melby, M. K., Kronenberg, F., Kurzer, M. S., & Messina, M. (2012). Extracted or synthesized soybean isoflavones reduce menopausal hot flash frequency and severity: systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Menopause
  30. EFSA Panel on Dietetic Products, Nutrition and Allergies (NDA). (2014). Scientific Opinion on the evaluation of allergenic foods and food ingredients for labelling purposes. EFSA journal, 12(11), 3894.