Filiere alimentari corte: ricollegare produttori e consumatori

Ultima modifica : 14/06/2021

Le filiere alimentari corte esistono in tutta Europa sotto molte forme. Progetti multi-attore come "Strength2Food" e "SMARTCHAIN" stanno cercando un modo per stimolarle.

I recenti sviluppi nel mercato alimentare mostrano una rinascita dei modi tradizionali e diretti di fornire il cibo, insieme all'emergere di sistemi di distribuzione più innovativi che forniscono collegamenti diretti tra produttori e consumatori. Questi numerosi canali di distribuzione alimentare brevi, comunemente denominati "filiere alimentari corte", ora coesistono con canali di distribuzione alimentare (di massa) più lunghi e "convenzionali".

Che cosa sono le filiere alimentari corte?

Una catena di approvvigionamento alimentare corta (SFSC), come definita dall'UE, è una catena di approvvigionamento che coinvolge un numero limitato di operatori economici, impegnati nella cooperazione, nello sviluppo economico locale e nel mantenimento di strette relazioni geografiche e sociali tra produttori, trasformatori e consumatori di alimenti.1

Le SFSC sono state definite per la prima volta nella politica di sviluppo rurale dell'UE per il periodo 2014-2020. La politica incoraggia i produttori europei a partecipare alle iniziative SFSC con la possibilità di cofinanziamento dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale. Di conseguenza, il numero di agricoltori urbani e rurali che vendono i propri prodotti direttamente ai consumatori, con pochi intermediari, è aumentato negli ultimi anni.2

Esistono diverse forme di SFSC. Uno dei più semplici è la vendita diretta dall'agricoltore al consumatore finale (in azienda, mercati contadini, consegne tramite internet). Altre forme includono piani di consegna in scatola, "fai-da-te"

e agricoltura sostenuta dalla comunità (CSA), in cui i consumatori supportano economicamente i coltivatori locali acquistando un "abbonamento" ai loro prodotti freschi per una particolare stagione di crescita. I prodotti principali oggetto di una SFSC sono frutta e verdura fresche di stagione, seguite da prodotti di origine animale (principalmente carne, fresca e lavorata), latticini e bevande.3

In gran parte, la crescita delle SFSC può essere collegata a un cambiamento nel comportamento dei consumatori, che ha mostrato un maggiore apprezzamento del cibo locale e delle caratteristiche correlate, come il luogo di origine, i metodi di produzione tradizionali e le tecniche di lavorazione. Inoltre, un'indagine condotta in tutta Europa nel 2016 ha rilevato che quattro cittadini europei su cinque ritengono che il rafforzamento del ruolo dell'agricoltore nella catena alimentare sia abbastanza o molto importante.4 In linea con questa tendenza, la Commissione Europea sostiene progetti multi-attore in cui ricercatori e professionisti del settore agroalimentare (come gruppi di agricoltori, enti commerciali, consulenti e piccole imprese) collaborano attivamente per tutta la durata di tali progetti. "STRENGTH2FOOD" e "SMARTCHAIN" sono due di questi progetti che condividono un interesse specifico per il tema delle SFSC e il loro impatto sulla regione locale. Le SFSC sono viste dalla Commissione Europea come un argomento importante perché hanno il potenziale per incoraggiare lo sviluppo rurale e urbano sostenibile.

Il progetto Strength2Food

"Strength2Food" è un progetto quinquennale (2016-2021) H2020 finanziato dall'UE che mira a migliorare l'efficacia dei programmi di qualità alimentare europei, delle politiche di approvvigionamento alimentare del settore pubblico, e a stimolare le SFSC tramite attività di ricerca, innovazione e dimostrazione.5

I ricercatori e gli operatori di "Strength2Food" hanno lavorato insieme per fornire una visione migliore della sostenibilità delle SFSC, valutando il loro impatto economico, sociale e ambientale in tutta Europa. Il progetto ha prodotto due esaurienti rapporti sui principali fattori di successo e sui limiti delle SFSC, con importanti lezioni sulla trasferibilità, esaminando diversi tipi di iniziative in sei paesi europei: Francia, Ungheria, Italia, Norvegia, Polonia e Regno Unito.

SFSC: quali sono i vantaggi e le sfide per consumatori e produttori?

Il primo rapporto di "Strength2Food" ha esplorato le motivazioni, gli atteggiamenti e le pratiche di consumatori, produttori e rivenditori in 12 diverse iniziative SFSC (ad es. mercati degli agricoltori, pescherie locali, ecc.).7 I ricercatori hanno raccolto i dati tramite interviste e sondaggi tra i consumatori, fornendo importanti spunti lungo l'intera catena alimentare. Il rapporto evidenzia che le SFSC possono fornire importanti vantaggi al pubblico in generale. La maggiore interazione faccia a faccia con i consumatori si traduce in genere in livelli più elevati di fiducia da parte loro. I consumatori apprezzano anche la maggiore trasparenza e tracciabilità associate alle SFSC, nel fornire informazioni sulla provenienza del cibo, su come viene prodotto e sulle sue caratteristiche associate (ad es. biologico). I produttori non godono solo di vantaggi economici, ma anche di una maggiore autonomia e di un migliore utilizzo delle risorse.

La ricerca evidenzia anche che SFSC diverse utilizzano tipi diversi di strategie di comunicazione per condividere informazioni sui prodotti tra produttori e consumatori, e devono affrontare particolari sfide al riguardo. Svolgono anche ruoli diversi nelle abitudini di acquisto alimentare quotidiano dei consumatori, nonché nella costruzione della comunità locale. Ad esempio, le SFSC tradizionali, come i mercati degli agricoltori nei paesi dell'Europa orientale e meridionale, si sono rivelate importanti fornitori di cibo fresco, stagionale e conveniente per molti consumatori. Tuttavia, sono sfidate dai supermercati più grandi in termini di prezzo e convenienza. Altri tipi di SFSC si distinguono dai rivenditori di generi alimentari convenzionali offrendo prodotti di specialità locali. Poiché spesso attraggono clienti più abbienti, potrebbero escludere quelli con minore potere di spesa. A causa di questa complessità, una singola misura, come una certificazione o un sistema di etichettatura comune per le SFSC, per rafforzare la trasparenza ed evitare le frodi, non sarà sufficiente per affrontare le diverse esigenze e sfide affrontate dalle diverse SFSC. Le misure devono essere sviluppate in accordo con il contesto locale.

Qui è disponibile il secondo rapporto di "Strength2Food" che ha esaminato gli impatti economici, sociali e ambientali delle SFSC e la loro sostenibilità.

Il progetto SMARTCHAIN

Il progetto H2020"SMARTCHAIN", finanziato dall'UE,  è stato lanciato a settembre 2018 con l'obiettivo di accelerare il passaggio a SFSC collaborative, introducendo nuovi modelli di business e soluzioni pratiche che migliorino la competitività e la sostenibilità del sistema agroalimentare europeo.6 Il progetto comprende anche una piattaforma virtuale che include nuovi strumenti interattivi per condividere conoscenze e soluzioni pratiche innovative rilevanti per le SFSC.

Come e perché i consumatori acquistano da filiere alimentari corte

Il progetto "SMARTCHAIN" ha studiato le percezioni e il comportamento dei consumatori riguardo alle SFSC mediante gruppi di discussione e sondaggi online in Germania, Grecia, Ungheria e Spagna. I ricercatori hanno inoltre condotto interviste con esperti di organizzazioni europee che rappresentano consumatori, produttori, enti governativi e responsabili politici, settore della ristorazione e certificatori alimentari. I risultati mostrano che, per l'acquisto di cibo, i consumatori considerano soprattutto la freschezza, il gusto, la qualità, i prezzi bassi e la convenienza. La maggior parte di essi preferisce acquistare almeno un paio di volte dalle SFSC (in particolare verdura, frutta, uova, miele e pane), prediligendo i mercati degli agricoltori. I consumatori acquistano dalle SFSC per supportare i produttori locali, per sapere da dove proviene il cibo, perché ritengono che i prodotti siano più naturali (ad esempio, contengono meno pesticidi), migliori per l'ambiente e di qualità superiore rispetto a quelli delle convenzionali catene alimentari lunghe. I produttori potrebbero scegliere le SFSC principalmente per avere un controllo più serrato sul proprio prodotto lungo la catena del valore e per creare un rapporto diretto con i consumatori, nonché per ottenere un prezzo più interessante, per diversificare la propria fonte di reddito e per essere coinvolti nella comunità ed economia locali.

La non convenienza e il prezzo sono risultati come i principali ostacoli per gli acquisti dalle SFSC, considerati costosi, difficili da raggiungere, non ben promossi o non prontamente disponibili. Poiché i consumatori tendono a preferire l'acquisto di un'ampia varietà di alimenti in un unico luogo, disporre di una gamma più ampia di prodotti da SFSC in un unico luogo li renderebbe più convenienti (ad es. mercati degli agricoltori, spacci aziendali, cooperative o piattaforme online che combinano più produttori). È interessante notare che una percentuale considerevole di consumatori nel sondaggio ha mostrato atteggiamenti positivi nei confronti delle SFSC, ma non tendeva ad acquistare presso di esse al pensiero dei prezzi elevati. Ciò implica che ridurre il costo dei prodotti delle SFSC o la sua giustificazione (ad esempio, spiegando i processi di produzione e i benefici per i consumatori, l'ambiente e il produttore/comunità locale) probabilmente ne incoraggerebbe l'assorbimento rispetto alla promozione dei benefici delle SFSC e dei loro prodotti.

Infine, le SFSC sono una strada promettente per supportare sistemi alimentari sostenibili e aumentare la loro resilienza contro shock come l'epidemia di COVID-19. Secondo i sondaggi, la pandemia ha visto un leggero aumento della consapevolezza dei consumatori sulle SFSC, e una maggiore intenzione di acquistare dalle SFSC e di sostenere i produttori locali.

Prospettive

Anche se studi precedenti indicano che le condizioni in Europa sono attualmente favorevoli allo sviluppo delle SFSC, persistono alcune imponenti barriere. Una delle principali preoccupazioni è che i volumi di produzione all'interno di queste catene possano essere limitati e che non possano sempre soddisfare la domanda di acquirenti più grandi come ospedali, università, scuole.3 Le SFSC possono anche avere difficoltà di crescita a causa dei limiti di capacità e dei maggiori costi di produzione, lavorazione e trasporto.3 Inoltre, hanno spesso risorse limitate per la comunicazione e il marketing, anche se beneficiano del supporto istituzionale.3

Un ulteriore ostacolo sono varietà e il volume limitati dei prodotti, poiché molte SFSC sono stagionali e altamente localizzate. Ciò può limitare la competitività dei singoli agricoltori rispetto ad altri attori convenzionali nella catena alimentare, e limitare la loro possibilità di partecipare agli appalti pubblici.2 I consumatori, in generale, credono anche che i prodotti alimentari locali e biologici non siano sempre facili da riconoscere e reperire. Ciò potrebbe essere dovuto a informazioni insufficienti sui loro vantaggi e all'aumento del prezzo rispetto ai prodotti più convenzionali.7 La ricerca che affronta questi problemi aiuterà a rafforzare ulteriormente l'efficienza, l'efficacia e la sostenibilità delle SFSC, e a superare tali ostacoli.

References

  1. Regulation (EU) No 1305/2013 of the European Parliament and of the Council of 17 December 2013 on support for rural development by the European Agricultural Fund for Rural Development (EAFRD) and repealing Council Regulation (EC) No 1698/2005
  2. Marie-Laure Augère-Granier (2016). Short food supply chains and local food systems in the EU. European Parliament Briefing.
  3. Kneafsey M. et al. (2013). Short Food Supply Chains and Local Food Systems in the EU: A State of Play of their Socio-Economic Characteristics. JRC Scientific and Policy Reports, European Commission.
  4. Europeans, Agriculture and the CAP Special Barometer 440 (2016). European Commission.
  5. Strength2Food, European Union's Horizon 2020 research and innovation programme, grant agreement No 678024. Website: www.strength2food.eu/
  6. SMARTCHAIN, European Union's Horizon 2020 research and innovation programme, grant agreement No 773785. Website: www.smartchain-h2020.eu
  7. Vittersø G. et al. (2019) Short Food Supply Chains and their Contributions to Sustainability: Participants' Views and Perceptions from 12 European Cases. Sustainability 2019, 11(17), 4800.